Videosorveglianza e fototrappole, cresce il controllo del territorio

Pubblicato il 7 gennaio 2022 β€’ Polizia Municipale

Due pattuglie a piedi ogni giorno in centro (640 in un anno), due pattuglie in auto ogni giorno per controllare il territorio (720 in un anno). Poi, il lavoro prettamente amministrativo, i sopralluoghi ambientali, quelli edili, il presidio al mercato due volte a settimana, quello alle scuole (insieme ai “nonni vigili”), il sostegno al “Pedibus”. Sono solo alcune delle attività portate avanti nel 2021 dalla Polizia Municipale di Sansepolcro, in un periodo che ha chiesto tante energie e risorse anche per fronteggiare il Covid.

“Il nostro impegno si è concentrato nell’attività di ispezione agli esercizi di somministrazione, per verificare il rispetto dei protocolli e del distanziamento, in collaborazione con i carabinieri – spiega il Comandante Antonello Guadagni – E poi aiutiamo la Asl nel rintracciare quei cittadini che, per vari motivi, non sarebbero stati raggiunti dalle comunicazioni degli uffici della Prevenzione. Il Covid ha modificato il nostro lavoro quotidiano, ma resta sempre improntato sulla prossimità, la vicinanza al cittadino. Questo è il senso delle pattuglie a piedi e in auto ogni giorno”.

Il capitolo dedicato al Codice della Strada è sempre molto impegnativo. Le multe elevate nel 2021 sono 2524 di cui ben 2035 (cioè l’80%) sono state per divieto di sosta. Il totale dei punti decurtati in 12 mesi è pari a 1546, il doppio rispetto all’anno precedente (erano stati 860). La decurtazione è causata per lo più dalla mancanza di cinture, assicurazioni scadute, alta velocità e uso del cellulare alla guida.

Il capitolo dedicato ai sopralluoghi ambientali vede protagoniste le fototrappole e-Killer contro l’abbandono dei rifiuti. Sono dispositivi dotati di telecamera ad alta definizione, capace di registrare anche in orario notturno e a diversi metri di distanza dalla postazione di interesse e possono essere facilmente nascoste nei luoghi più impensabili, come dentro auto civetta, in mezzo alla vegetazione, sopra tetti o balconi. La macchina è dotata di un sistema capace di memorizzare nella scheda video solamente i momenti in cui si registra un movimento nell’area monitorata, come appunto il conferimento dei rifiuti e, grazie ad una specifica applicazione, è possibile visionare da remoto in tempo reale le immagini registrate, sia da postazione fissa che su apparecchiature mobili, come smartphone e tablet. Le multe elevate nel 2021 con e-Killer sono state ben 78.

Altri numeri dell’attività della Municipale: 176 ordinanze, 696 accertamenti di residenza, 145 permessi per invalidi e 141 segnalazioni inoltrate agli uffici competenti. “Sono segnalazioni che i cittadini ci indicano durante il nostro pattugliamento. In quei momenti di confronto, importanti per noi – continua Guadagni – cerchiamo di agevolare le risposte della Pubblica amministrazione ai problemi del cittadino, anche se non sono di nostra stretta competenza. Così si rinsalda la fiducia tra le parti”.  Sul versante del traffico nel centro storico, da alcune settimane sono stati installati due varchi elettronici, al momento solo con l’obiettivo di monitoraggio: uno a Porta Romana e uno di fronte al Palazzo comunale.

“In primo luogo esprimo soddisfazione per il lavoro svolto dal Servizio di Polizia Municipale e un ringraziamento a tutto il personale coinvolto. Il 2020 e il 2021 sono state due annate complesse a causa dell’emergenza Covid-19: nuove competenze e attività hanno riguardato il Servizio e devo dire che è stato fatto tutto il necessario per garantire il rispetto delle norme e il giusto rapporto con cittadini ed attività commerciali – dichiara l’assessore Alessandro Rivi - In queste prime settimane di mandato amministrativo sono stati molti i punti che ho già approfondito con il Comandante Guadagni e stiamo lavorando per nuove progettualità. L’installazione di due varchi elettronici sono l’inizio di una programmazione che riguarderà il centro storico, per una migliore vivibilità e maggiore rispetto delle regole. Abbiamo siglato tempestivamente il Patto per l’Attuazione della Sicurezza Urbana tra Comune e Prefettura e inviato un progetto per l’implementazione della videosorveglianza (approvato dal Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica) per aderire ad un bando del Ministero dell’Interno, di cui ancora non conosciamo l’esito. Per i prossimi mesi – conclude Rivi - l’intenzione è di mantenere alta l’attenzione sul fronte dell’emergenza sanitaria, recependo e attuando le indicazioni della normativa nazionale; di implementare l’attuale infrastruttura di videosorveglianza e lettura targhe e garantire una costante attività di presidio del territorio, anche diversificando fra le varie attività di accertamento”.